News ed eventi

tutte le news

FATTURA ELETTRONICA: COME SI DEVONO COMPORTARE LE ASSOCIAZIONI

Fattura elettronica: come si devono comportare le associazioni

A seguito dell'introduzione delle nuove norme sulla fatturazione elettronica, l'AICS di Padova ha emesso un comunicato che fornisce alcuni chiarimenti e suggerimenti per tutte le associazioni affiliate. Di seguito il testo del comunicato.

 

Come disposto dalla legge di Bilancio 2018, dal 1° gennaio 2019 entreranno in vigore le disposizioni riguardo l'obbligo di fatturazione elettronica anche tra privati (B2B).
Anche le associazioni sono soggette a quest'obbligo, pertanto TUTTE  le associazioni (indipendentemente se hanno o meno la Partita IVA) devono comunicare ai propri fornitori il codice SDI (sistema di interscambio) o una PEC (indirizzo di Posta Elettronica Certificata).
E' possibile fare la PEC per l'associazione su alcuni siti gratuiti ed altri a pagamento (aruba.it al costo di € 5,00 all'anno), valutate Voi anche in relazione allo spazio concesso.

Le associazioni con Partita IVA che devono emettere fatture, oltre alla PEC devono attrezzarsi con un software per la preparazione, invio e conservazione delle fatture elettroniche.
Per le associazioni che emettono durante l'anno un consistente numero di fatture è consigliabile usufruire del servizio a pagamento offerto on line da diversi siti, mentre per chi emette poche fatture l'anno è consigliabile utilizzare il servizio gratuito dell'agenzia delle entrate attraverso i servizi telematici di FISCONLINE.